Indovinello del mercante, la fanciulla e l'usuraio

big ben
La storiella "del mercante, la ragazza e l’usuraio", è un ottimo esempio di come con la creatività e il pensiero laterale si possano superare prove nelle quali utilizzando la logica sequenziale si arrivi a soluzioni inaccettabili o nelle quali lo sconforto causato dal pensiero negativo – come lo definisce Edward De Bono - ci impedisca di vedere soluzioni alternative.

Il mercante, la fanciulla e l'usuraio

Nella vecchia Londra di inizio Novecento viveva un mercante con la figlia. Gli affari non andavano più come una volta e via via col passare degli anni il mercante si era indebitato sempre più con Peppino l'usuraio.

Questo usuraio, brutto e vecchio un giorno vide la bellissima figlia del mercante e se ne innamorò, così propose al mercante di risolvere il debito in cambio della mano della figlia.

Il mercante e sua figlia rimasero inorriditi dalla proposta, ma l’usurario minacciando di portargli via tutto, gli propose di lasciare decidere la provvidenza...

Lui avrebbe messo in un sacchetto due sassolini, uno bianco e uno nero e la ragazza ne avrebbe estratto uno a caso: (Entrambe le possibilità hanno un 50% di verificarsi)
  • se il sassolino estratto fosse stato nero la ragazza sarebbe andata con l’usuraio e il debito sarebbe stato saldato
  • se invece il sassolino fosse stato bianco il debito sarebbe stato risolto e la ragazza sarebbe rimasta col padre

Però la ragazza vide che l’astuto usuraio raccolse dalla ghiaia del vialetto del giardino del mercante due sassolini neri. Seguendo un percorso di logica sequenziale le soluzioni possibili sarebbero state inaccettabili difatti smascherare l’imbroglio avrebbe portato alla bancarotta del padre mentre pescare il sassolino – sicuramente nero - l’avrebbe portata tra le braccia dell’usuraio.
  • A questo punto cosa si sarebbe potuto fare?




Ecco la soluzione dell'indovinello, prima di leggerla vi consiglio di pensarci un po', in modo da allenarvi con la logica laterale.

La mente creativa della ragazza trovò una soluzione geniale tipica del pensiero laterale, trasformò una situazione apparentemente impossibile da risolvere in una opportunità…

Quando giunse il momento di estrarre il sassolino – sicuramente nero – la ragazza - prima che potesse essere visto dall’usuraio - lo fece cadere tra gli altri sassi vialetto così da confondersi, da non essere più riconoscibile. E prima ancora che l’usurario potesse dire qualcosa le esclamò “Beh, poco importa: se il sassolino rimasto nel sacchetto è bianco vorrà dire che quello caduto è nero altrimenti se è nero il sassolino caduto è bianco”.

8 commenti:

  1. emm mi sono impapocchiata nel finale, comunque se fossi stata la ragazza avrei agito più o meno allo stesso modo.
    Magari inserendo un terzo sassolino bianco

    RispondiElimina
  2. Un terzo sassolino bianco? Come mai? :)

    RispondiElimina
  3. e perchè nel tuo finale c'è un errore!
    se il sassolino rimasto nel sacchetto è bianco vorrà dire che quello caduto è NERO!

    Giusto?
    Beh un terzo sassolino bianco per cambiarlo nel momento in cui sarebbe uscito nero

    RispondiElimina
  4. La soluzione corretta è la seguente:
    la ragazza pesca uno dei sassolini dal sacchetto.
    Lo tiene chiuso in mano e svuota il sacchetto: visto che uscirà un sassolino nero per esclusione quello chiuso in pugno dev'esser per forza bianco. Il mercante non può contestar tale fatto, pena lo smascheramento della sua frode. Bellissimo sito, complimenti :)

    RispondiElimina
  5. Io avrei proposto all'usuraio di scambiare le associazioni, bianco/matrimonio, nero/libertà, e l'avrei fatta tanta lunga che avrebbe dovuto acconsentire per forza almeno per non tradirsi!

    RispondiElimina
  6. eheheh, tieni presente che il mercante rischiava il fallimento totale e all'epoca portavano via anche il letto e le mutande :)

    RispondiElimina
  7. Prima di procedere con l'estrazione si fa verniciare il palmo della mano di bianco, prende il sassolino nero e, mentre la mano è ancora nel sacchetto, non visibile quindi agli occhi degli altri, lo stringe e lo rigira finché non diventa bianco.
    Di fronte allo sguardo sbigottito dell'usuraio, risponde che è la decisione miracolosa della Provvidenza.

    RispondiElimina
  8. leggendo i commenti sopra mi accorgo che la fantasia e la creatività non mancano, e magari tra questi c'è pure la giusta soluzione ! se capitasse a me una cosa del genere (anche se oggigiorno non usa piu) altro che pensiero negativo! non so come me la potrei cavare, per cui proverò a dare la soluzione
    la ragazza raccatta senza farsi vedere un sassolino bianco e lo nasconde nella manica, quando è il momento di estrarre pesca un sassolino, nero x forza, e lo fa cadere appositamente a terra facendolo rotolare via; a sto punto è costretta a pescarne un altro e mentre la mano fruga nel sacco fa scivolare dalla manica il sassolino bianco estraendolo! è salva

    RispondiElimina

Grazie per aver commentanto. Il vostro commento verrà pubblicato il prima possibile.